LA RIGENERAZIONE DEL PATRIMONIO COSTRUITO

L’immissione sul mercato di una offerta di nuove costruzioni avvenuta soprattutto negli ultimi decenni, fortemente sproporzionata rispetto alla effettiva domanda, ha causato la denominata “crisi del mattone”, legata alla consistente e duratura recessione economica a livello globale e che non cessa di interessare pesantemente gli equilibri fra redditi nazionali, livelli occupazionali e prezzi di mercato.

A risentirne maggiormente della situazione sono evidentemente le fasce più deboli  per le quali la casa è una necessità, dai single alle giovani coppie che, non potendo contare sulla liquidità necessaria all’acquisto di una abitazione, devono attivare un mutuo, concesso dalle banche con molto rigore e prudenza.  Le prospettive non sono certo incoraggianti, visti l’aumento dei tassi di interesse, le difficoltà di accesso al credito, i prezzi che rimangono inaccessibili congelando il mercato immobiliare.

La messa in sicurezza degli edifici diviene obbiettivo prioritario, da attuarsi attraverso un complesso di strutture, regole e strategie che presiedono alla governance del settore, oltre che un dialogo sempre più stretto tra Architettura e Ingegneria strutturale, al fine di trasmettere i valori e la storia che li connotano, in un connubio indissolubile.

Questa non può essere intesa semplicemente come sinonimo di emergenza, piuttosto come impellente bisogno di  pianificazione e rilancio di rigenerazione, prevenzione sismica, sicurezza idrogeologica del territorio, che pongano come nocciolo della questione la qualità e la sostenibilità ambientale del fare architettura.

Necessita quindi una radicale trasformazione del paradigma progettuale e costruttivo, riformato e riorganizzato sulla base di risorse adeguate e procedure più snelle e semplificate.

Il mercato moderno già da parecchi  anni concorre in maniera incoraggiante  e particolarmente importante, tramite il complesso degli incentivi fiscali dedicati alla ristrutturazione, all’efficientamento energetico, alla messa in sicurezza strutturale e sismica delle costruzioni, comprendendo tra queste gli immobili relativamente recenti, in quanto le regole del consumismo rendono i beni prodotti rapidamente soggetti a rapida obsolescenza e degrado, senza prendere in considerazione la prassi diligente ed efficace del riutilizzo; concorrendo alla difficoltà di uscire dalla crisi immobiliare ed edilizia caratterizzata sempre più da una offerta sovrabbondante, da costruttori che non riescono ad alienare i troppi stabili edificati, da potenziali acquirenti che non riescono ad acquistarli viste e considerate le restrizioni creditizie penalizzanti e, dulcis in fundo, un enorme patrimonio di case vuote che rimangono in attesa di essere riqualificate e occupate.

Davide Ferrari, 22 gennaio 2019

Tag: , , , , , , , , , , , , ,


Davide Ferrari

Titolare dello studio di architettura Archidea dal 1997, vanta una esperienza lavorativa da architetto libero professionista da più di vent'anni, maturando approfondite competenze soprattutto nei settori della progettazione di edifici civili, ristrutturazioni, restauri di beni vincolati a valenza monumentale e paesaggistica, abbattimento di barriere architettoniche, direzione lavori, progettazione di interni, progettazione del verde, denunce di successione, contraddittori tecnico/legali, presentazione pratiche presso enti competenti al rilascio di autorizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Progettazione di edifici civili, ristrutturazioni, restauri beni vincolati, contabilità e direzione lavori, progettazione di interni, progettazione del verde, pratiche catastali, denunce di successione, perizie di stima, contraddittori tecnico/legali, certificazioni energetiche.